-

Perché Obama non cita più Trump nei suoi discorsi

Negli ultimi tempi Barack Obama non cita più Donald Trump nei suoi discorsi in pubblico. Anziché pronunciare il suo nome, se la prende genericamente con il “Governo federale”.

Qual è la motivazione? Perché certe volte i politici smettono di citare i loro avversari nei propri discorsi?

Per non alimentare continuamente negli ascoltatori l’immagine mentale dell’avversario. Se dico il nome di Trump lo evoco direttamente, e il mio ascoltatore ne immagina la faccia. Dandogli più notorietà ogni volta che lo nomino.

Un tentativo che aveva fatto, a modo suo, anche Walter Veltroni nel 2008.

All’epoca, da candidato premier per il Partito Democratico, decise di non pronunciare mai il nome di Silvio Berlusconi durante la campagna elettorale.

Preferì definirlo: “Il principale esponente dello schieramento a noi avverso”.

Fu un tentativo un po’ goffo, poiché di fatto sostituire la locuzione “Berlusconi” con “principale esponente dell’altro schieramento” non cambiava granché: ogniqualvolta Veltroni lo diceva, stava evocando comunque Berlusconi.

Diverso il caso di Obama che non cita Trump: sostituire la locuzione “Trump” con “Governo federale”, modifica il referente stesso della frase.

Non ti cito, ti ignoro, e nell’immagine mentale che propongo al pubblico non sei neppure contemplato.

© Patrick Facciolo – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

The following two tabs change content below.
Patrick Facciolo

Patrick Facciolo

Mi occupo di formazione e coaching sui temi del Public Speaking e della comunicazione efficace per professionisti e aziende. Dottore in tecniche psicologiche iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia, giornalista e formatore, faccio divulgazione su queste tematiche attraverso il mio portale, Parlarealmicrofono.it. Ho pubblicato sei libri, i più importanti dei quali sono "Crea immagini con le parole" (2013) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019), disponibili su Amazon.


Patrick Facciolo

Info su Patrick Facciolo

Mi occupo di formazione e coaching sui temi del Public Speaking e della comunicazione efficace per professionisti e aziende. Dottore in tecniche psicologiche iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia, giornalista e formatore, faccio divulgazione su queste tematiche attraverso il mio portale, Parlarealmicrofono.it. Ho pubblicato sei libri, i più importanti dei quali sono "Crea immagini con le parole" (2013) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019), disponibili su Amazon.
Questa voce è stata pubblicata in Ultimi aggiornamenti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , .

I commenti sono chiusi.


Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.