Archivi

Tag ‘Come parlare in pubblico‘
Come comunica Carlo Calenda: analisi del discorso al congresso di Azione

Come comunica Carlo Calenda: analisi del discorso al congresso di Azione

Come ha comunicato Carlo Calenda, il leader del movimento Azione, durante il congresso che si è tenuto qualche giorno fa a Roma?

Ne parliamo in questo post, dopo aver letto (o ascoltato, se guarderete il video qui sopra) un estratto del suo discorso.

Continua a leggere →
Come parlare in pubblico: intervista a Patrick Facciolo

Come parlare in pubblico: intervista a Patrick Facciolo

Continua il mio tour nelle televisioni italiane per parlare di comunicazione efficace in pubblico.

Oggi vi propongo il mio intervento su Telefoggia, andato in onda ieri sera in Puglia, Basilicata e Abruzzo, in cui ho parlato di come stare su un palco di fronte a una platea di persone, di quanto è importante parlare per immagini, e di come affrontare meglio la paura di parlare in pubblico.

Continua a leggere →
Il discorso di Michelle Obama alla convention dei democratici

Il discorso di Michelle Obama alla convention dei democratici

Si è conclusa da poche ore la prima serata della convention democratica per l’investitura ufficiale di Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti d’America. È la prima volta nella storia che questo evento non si svolge in presenza di pubblico, per via delle limitazioni legate alla pandemia di coronavirus.

Come funziona la convention virtuale dei democratici?

Cominciamo da questo: come risolvere il problema del pubblico assente, e realizzare comunque una convention efficace? Facendo apparire all’interno tante, tante persone: attivisti, militanti, personaggi di rilievo, politici e persone comuni. Più persone vedo sullo schermo, meno mi sento solo, più persone vedo, più percepisco che sono davanti a un evento collettivo e sento di farne parte.

Continua a leggere →
Come comunica Kamala Harris, la candidata vicepresidente di Joe Biden

Come comunica Kamala Harris, la candidata vicepresidente di Joe Biden

Kamala Harris, 55 anni, avvocata, è stata scelta dal candidato democratico Joe Biden come sua vice, in vista delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del prossimo novembre.

Nei suoi discorsi in pubblico la Harris fa un ottimo uso del linguaggio paraverbale (voce) e delle pause: usa spesso un tono grave e presente, raramente alza la voce, più spesso sorride.

Si prende gli spazi che possono servire per riprendere fiato e trovare le parole, senza pregiudicare il ritmo del discorso. Lasciando spazio e tempo al pubblico per apprezzare il discorso nelle sue sfumature.

Ma soprattutto mi colpisce come usa lo sguardo: con gli occhi, la Harris non dimentica nessuno. E questo, per un politico, può essere una metafora del proprio messaggio. Un po’ come dire: “Nessuno è escluso dalle mie parole”.

Si volta verso destra e verso sinistra, cerca di guardare tutti, ovunque si trovino attorno a lei.

Kamala Harris quando parla in pubblico mi appare “dentro” lo speech, dentro il discorso: non lo legge, ma “sta” nella relazione con chi la ascolta. Spesso parla in mezzo al pubblico, si fa circondare da esso.

Ottime premesse, in vista dei confronti televisivi autunnali di cui sarà protagonista.

© Patrick Facciolo – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Continua a leggere →
Come parlare in pubblico: proteggere le nostre emozioni

Come parlare in pubblico: proteggere le nostre emozioni

Spesso quando iniziamo un discorso in pubblico diciamo frasi del tipo: “Scusate l’emozione”, “Oggi sono emozionantissimo”, “Perdonatemi ma mi sento molto emozionato”.

Detto che si tratta di una scelta totalmente legittima, in questa puntata mi chiedo se esprimere questo tipo di stato interno risponda veramente alla nostra intenzione di condividere quello che sentiamo, o se talvolta finisca per diventare un diversivo per prendere del tempo, alla ricerca della frase successiva.

In quest’ultimo caso, la domanda che possiamo farci è: siamo sicuri che stiamo proteggendo adeguatamente quello che proviamo? Quando diciamo in pubblico “sono emozionato”, stiamo esprimendo un’emozione a chi ci ascolta, un nostro particolare sentire, e non è detto che tutte le persone all’ascolto riescano a fare di questa informazione l’uso che noi auspicheremmo (“vorrei che tu mi capissi”, “vorrei che tu capissi cosa si prova da questa parte”, ecc.)

In questa puntata rifletto con voi sull’importanza di avere maggior consapevolezza delle emozioni che proviamo e che scegliamo di comunicare, dei destinatari a cui ci rivolgiamo, e per ultimo dei rischi a cui ci mettiamo di fronte quando esprimiamo i nostri stati interni a prescindere, senza considerare adeguatamente il contesto.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Continua a leggere →
1 2 3 5
Copyright © Patrick Facciolo. Riservato ogni diritto e utilizzo. Monitoriamo costantemente la rete: il nostro team di legali interviene ogniqualvolta venga a conoscenza di copie e utilizzi non autorizzati dei contenuti.