Il mio blog: le tecniche per parlare in pubblico



“Le parole creano la realtà”. Ma è davvero così?

In molti sempre più spesso sostengono che le parole creino la nostra realtà. Ma da un punto di vista scientifico e filosofico, è una tesi sostenibile?

Un’obiezione tipica che viene fatta su questo argomento è la seguente: quando proviamo un’emozione forte, e non troviamo le parole per esprimerla, che cosa diciamo? “Non ho le parole, non trovo le parole”, non sappiamo cioè come esprimere questo percepito.

Video tratto dall’intervento di Patrick Facciolo del 18 giugno 2022 al Web Marketing Festival di Rimini

Vengono prima le emozioni o il linguaggio che le descrive?

Già questa premessa può farci capire qual è l’a priori tra emozioni e linguaggio. L’a priori è l’emozione che sto provando, che viene prima ancora delle parole che possa esprimerla.

Già questa semplice confutazione ci dimostra che la realtà interna che noi rappresentiamo a noi stessi esiste ancora prima della sua formulazione linguistica. E ne abbiamo consapevolezza ancora prima di avere le parole per descriverla.

Per questo, dire in maniera apodittica (autodimostrativa) che “il linguaggio crea la realtà” è un’affermazione quantomeno da approfondire. Può diventare un argomento oggetto di discussione teoretica e psicologica, ma di certo gli studi sull’argomento sono tutt’altro che conclusi.

 

L’ipotesi di Sapir-Whorf e il determinismo linguistico

In particolare, già negli anni ’70 una teoria di questo genere è stata formulata nella famosa Ipotesi di Sapir-Whorf. Si tratta di una teoria che ha posto le basi del cosiddetto determinismo linguistico. E che ancora, a 50 anni di distanza, non ha trovato un punto di accordo conclusivo e definitivo tra i ricercatori.

Su YouTube è disponibile una videografica che illustra l’Ipotesi di Sapir-Whorf e i concetti di determinismo linguistico e relativismo linguistico. Nel video viene fatto il celebre esempio della parola tedesca “Schadenfreude” (la gioia per l’insuccesso altrui), che non esiste in molte altre lingue.

Eppure, la percezione di questo stato emotivo è comunque percepibile anche senza il corrispettivo vocabolo nei dizionari di altre lingue: https://youtu.be/K8SCy6lhK6U

Un’ipotesi è soltanto un’ipotesi

Ricordiamoci inoltre che l’ipotesi di Sapir-Whorf è, per l’appunto, un’ipotesi, e a maggior ragione non va confusa con una teoria. Peraltro, non è la prima volta che frasi di impatto immediato diventano celebri senza una validazione scientifica adeguata. Si pensi per esempio all’ipotesi secondo la quale il cervello non capisce le negazioni (smentita più volte da evidenze scientifiche).

In tutto il mondo ci sono ricercatori che da anni lavorano nelle università su questi temi. A molti di loro, probabilmente, piacerebbe che il loro lavoro non venisse liquidato con poche parole. Possiamo imparare, per questo, ad andare più a fondo nella nostra ricerca su questi temi, anziché dare per certe affermazioni che ancora bisogno della necessaria validazione.

 

© Patrick Facciolo – Riservato ogni diritto e utilizzo. Vietata la riproduzione anche parziale.


Il mio corso online di Public Speaking


6 LEZIONI A DISTANZA DAL VIVO · LIBRO IN OMAGGIO · ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

Clicca qui per saperne di più



The following two tabs change content below.

Dott. Patrick Facciolo

Insegno Public Speaking perché per me è importante che le persone si sentano ascoltate. Realizzo corsi individuali, aziendali e di gruppo, in presenza in tutta Italia e online attraverso Zoom. Diplomato al liceo classico, laureato in Scienze e tecniche psicologiche, in Filosofia e in Scienze politiche, master universitario di primo livello in Counseling relazionale nei contesti scolastici, educativi e socio-sanitari, sono iscritto all’Ordine degli Psicologi della Lombardia in qualità di Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro. Da oltre quattordici anni sono iscritto all’Ordine dei Giornalisti. In questi anni ho pubblicato 7 libri, i più importanti dei quali sono “Crea immagini con le parole” (2013) e “Parlare in pubblico con la mindfulness” (2019), disponibili su Amazon.



.

.

Tag: , , , ,


Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.





Copyright © Patrick Facciolo. Riservato ogni diritto e utilizzo. Monitoriamo costantemente la rete: il nostro team di legali interviene ogniqualvolta venga a conoscenza di copie e utilizzi non autorizzati dei contenuti.