Il mio blog



Come usare Telegram per migliorare il nostro Public Speaking

Come usare Telegram per migliorare il nostro Public Speaking




Negli ultimi tempi l’app di Telegram viene utilizzata non solo per scambiarsi messaggi di testo, ma anche per la possibilità di creare e di iscriversi a canali tematici. Ormai ne esistono a centinaia, e sono dedicati a tantissimi temi.

Nella nota vocale che vi propongo oggi (pubblicata proprio sul mio canale, Public Speaking Professionale) vi racconto come l’app di Telegram possa essere usata per migliorare il nostro Public Speaking, e questo per diverse ragioni:

  • perché se creiamo un canale e diffondiamo una nota vocale periodica possiamo allenare la nostra comunicazione verbale e paraverbale;
  • perché attraverso le note vocali impariamo a riascoltare la nostra voce;
  • perché le note vocali ci allenano all’improvvisazione;
  • perché nelle note vocali “è buona la prima”: non puoi correggerle o editarle, puoi soltanto rifarle daccapo;
  • perché se è “buona la prima” ci alleniamo a “lasciare andare” i contenuti;
  • perché ci alleniamo a preparare la scaletta di un intervento;
  • perché ci alleniamo a sviluppare un senso di community, a orientarci al pubblico.

In particolare, su quest’ultimo punto (quello della relazione col pubblico, della possibilità per chi segue i nostri canali di interagire con noi), nella nota vocale di oggi vi parlo del nuovo libro di Marta Pellizzi, che sto leggendo in questo periodo: “Rivoluzione Telegram – Scopri le funzioni segrete e usalo come strumento di marketing“.

Marta si occupa di tutti gli aspetti relativi alla progettazione e realizzazione di un canale Telegram, e mostra le funzioni che possono arricchire e personalizzare questa esperienza, sia per chi produce contenuti, sia per chi ne beneficia. Un ottimo strumento per quanti di voi volessero creare un canale (magari con delle note vocali per il proprio pubblico, un po’ come faccio io ogni giorno con voi).

E a proposito di note vocali, non mi resta che dirvi: buon ascolto! 😉

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

The following two tabs change content below.

Dott. Patrick Facciolo

Insegno Public Speaking perché per me è importante che le persone si sentano ascoltate. Realizzo corsi individuali, aziendali e di gruppo, in presenza in tutta Italia e online attraverso Zoom. Diplomato al liceo classico, laureato in Scienze e tecniche psicologiche, in Filosofia e in Scienze politiche, master universitario di primo livello in Counseling relazionale nei contesti scolastici, educativi e socio-sanitari, sono iscritto all’Ordine degli Psicologi della Lombardia in qualità di Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro. Da oltre quattordici anni sono iscritto all’Ordine dei Giornalisti. In questi anni ho pubblicato 7 libri, i più importanti dei quali sono “Crea immagini con le parole” (2013) e “Parlare in pubblico con la mindfulness” (2019), disponibili su Amazon.



.

.

Tag: , , , , , , , , , ,


Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.





Copyright © Patrick Facciolo. Riservato ogni diritto e utilizzo. Monitoriamo costantemente la rete: il nostro team di legali interviene ogniqualvolta venga a conoscenza di copie e utilizzi non autorizzati dei contenuti.