Archivi tag: Parlare in pubblico

Elogio dell’ozio prima di parlare in pubblico

Spesso alla parola “ozio” associamo dei significati negativi, non considerando invece che oziare può esserci utile per non alimentare di continuo pensieri su quello che dovremo fare da lì a poco.

In questa puntata torno a parlarvi di mindfulness, di consapevolezza, e vi racconto come mi capiti spesso di “oziare” prima di un discorso in pubblico, e di migliorare così anche la mia gestione dello stress da palco.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Pubblicato in Ultimi aggiornamenti | Contrassegnato , , , , , , , |

Perché “mandami le slide prima dell’evento” è un concetto sbagliato

Certe volte quando dobbiamo fare un intervento in pubblico ci viene richiesto di mandare in anticipo le slide agli organizzatori.

Premesso che in alcuni casi è indispensabile per ragioni logistiche, tecniche e organizzative, in molti altri casi prima di partire in quarta con questa abitudine potremmo fare qualche riflessione.

Se infatti è vero che è importante prepararsi, preparare dei contenuti e delle slide efficaci e ben organizzate, allo stesso tempo torno a ribadire che la relazione col nostro pubblico nasce nel “qui e ora” quando stiamo davvero parlando in pubblico.

Non possiamo cioè prevedere tutto quello che succederà, come reagirà il nostro pubblico, e come ci relazioneremo con le persone che ci ascolteranno.

Per questa stessa ragione non possiamo sapere già da prima, alla perfezione, quante e quali slide proietteremo: potrebbe capitarci di dover aprire un’altra presentazione per fare un approfondimento che non avevamo previsto, potrebbe capitarci una domanda che ci fa saltare da una slide all’altra della presentazione, potremmo averne preparare più del previsto e mostrarne la metà, e così via.

Ancora una volta, il Public Speaking, l’atto di parlare in pubblico, si realizza nel momento presente, la relazione con il nostro pubblico si crea nel momento presente, e perché no, anche la scelta delle slide da mostrare può essere legittimamente condizionata da quello che succede “qui e ora”.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Pubblicato in Ultimi aggiornamenti | Contrassegnato , , , , , , , , |

Rompere il ghiaccio con il pubblico: il mito dell’ice-breaking

Ma è proprio vero che quando cominciamo un discorso in pubblico dobbiamo per forza “rompere il ghiaccio” con una frase dirompente?

Il momento iniziale di un discorso, spesso, è uno dei più stressanti per il relatore, e cominciare per forza con un elemento dirompente, di “rottura”, che catturi immediatamente l’attenzione del pubblico, può non essere un’esperienza semplice.

In questa puntata difendo nuovamente il diritto del relatore di svolgere una perfomance “media”, di fare sul palco le cose che si sente (e non che gli hanno “detto di fare” su qualche libro).

Ché poi, restando nella metafora dell’ice-breaking, è bene ricordarci che il ghiaccio con il pubblico non va per forza rotto, ma possiamo anche lasciarlo sciogliere naturalmente, nel corso dei minuti.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Pubblicato in Ultimi aggiornamenti | Contrassegnato , , , , , , , , , , |

Parlare in pubblico: il diritto di fare un discorso “medio”

Siamo circondati da un’estetica del Public Speaking. Un’estetica che spesso ci racconta come i nostri discorsi debbano essere i migliori, risultare memorabili o indimenticabili, che debbano persuadere sempre e comunque il nostro pubblico.

In questa puntata voglio passarvi il messaggio opposto: vi racconto che le persone ci ascoltano anche se non “urliamo”, anche se non cerchiamo a tutti i costi di farci notare. Che i discorsi non devono essere belli per forza. Che abbiamo il diritto di fare un discorso “medio”, perché la finalità di un discorso non è la sua estetica, ma l’atto stesso di comunicare.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Pubblicato in Ultimi aggiornamenti | Contrassegnato , , , , , , |

Mi commuovo quando…

Mi commuovo quando mi scrivete: “Ho preso un permesso dall’ufficio per venire a seguire la tua lezione”, e poi vi ritrovo lì, in prima fila. Mi commuovo quando mi dite: “Ho letto la tua newsletter e non potevo mancare”.

Mi commuovo quando vi ritrovo ai miei convegni dopo quasi dieci anni. Mi commuovo quando mi dite che avete letto tutti i miei libri, che avete ascoltato tutti i miei video e i miei podcast sulla comunicazione.

Mi commuovo quando vi vedo tornare a sentire per la decima volta la stessa lezione, per cogliere quella sfumatura in più che non avevate colto prima. Mi commuovo quando la sala è piena, e incontro decine di visi e volti mai visti prima, con cui da oggi ricomincia tutto, daccapo, ancora e ancora.

Amo la formazione. Amo crescere insieme a voi. E queste sono le foto di quanto eravate belli oggi a Forma Forum, il forum sulla formazione manageriale in Italia, a cui ho avuto il piacere di intervenire con una lezione sul Public Speaking.

Grazie, a tutti, di cuore.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Pubblicato in Ultimi aggiornamenti | Contrassegnato , , , , , , , , |