Il mio blog



Come comunica Alessandro Barbero? Linguaggio non verbale e gesti illustrativi

Come comunica lo storico Alessandro Barbero?

In questo video analizzo la sua comunicazione, soffermandomi sulla sua gestualità, sull’uso della voce, e in particolare sull’utilizzo dei cosiddetti gesti illustratori.

 

I gesti illustrativi nella comunicazione di Alessandro Barbero

Vi propongo un passaggio di Alessandro Barbero tratto da una puntata di Rebus, su Rai 3:

“La Russia ha una storia lunga mille anni, dalla conversione di Vladimiro verso l’anno 1000. Lì comincia la storia della Russia. E a quel tempo non ci sono i russi e gli ucraini, c’è un popolo unico”.

Il primo elemento che possiamo osservare durante questo passaggio è la gestualità, e in particolare l’utilizzo dei cosiddetti gesti illustratori. Lo psicologo Paul Ekman definisce gesti illustratori quelli che sottolineano le parole o integrano la sintassi del discorso. Inoltre parla di “punti interrogativi o punti esclamativi facciali”, definizione su cui torneremo più avanti.

A cosa servono questi gesti, e perché risultano efficaci nella comunicazione di Alessandro Barbero? Perché riescono ad accompagnare meglio le parole, ritmicamente. Possiamo notare, per esempio, che quando Barbero parla del passato talvolta muove le mani verso se stesso, accompagnando ancor di più, analogicamente, il senso delle sue parole.
Una delle caratteristiche del linguaggio non verbale, infatti, è proprio quella di generare un’analogia con quello verbale, ed è per questo motivo che si parla di comunicazione analogica.

 

Alessandro Barbero e il linguaggio paraverbale

Un altro aspetto importante nella comunicazione di Alessandro Barbero è l’uso della voce, il cosiddetto paraverbale. Per capirlo meglio vi propongo un altro estratto in cui non viene messa in evidenza la gestualità di Barbero, bensì il suo volto.

“Com’è possibile allora affermare che questo territorio si chiama Russia? Allora, Anna Simona, facciamo una premessa: che qualunque discorso su questo tema oggi è molto delicato”.

In questo caso possiamo osservare come ogni sillaba venga scandita chiaramente, dando modo all’ascoltatore di capire in maniera molto semplice di che parola si tratti, anche grazie all’enfasi che viene posta spesso sull’ultima vocale.

Questo passaggio ci mostra una rappresentazione abbastanza evidente di quei “punti esclamativi e interrogativi facciali” individuati da Paul Ekman, e a cui abbiamo accennato poco fa: come abbiamo visto, infatti, Alessandro Barbero scandisce le parole che pronuncia sillaba per sillaba, e accompagna anche col movimento del volto le singole sillabe e le singole parole che costituiscono il discorso, in un senso che potremmo definire proprio illustrativo.

Anche questa è una delle caratteristiche che rende efficace la sua comunicazione.

 

© Patrick Facciolo – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.


Il mio corso online di Public Speaking


6 LEZIONI A DISTANZA · LIBRO IN OMAGGIO · ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

Clicca qui per saperne di più



The following two tabs change content below.

Dott. Patrick Facciolo

Insegno Public Speaking perché per me è importante che le persone si sentano ascoltate. Realizzo corsi individuali, aziendali e di gruppo, in presenza in tutta Italia e online attraverso Zoom. Diplomato al liceo classico, laureato in Scienze e tecniche psicologiche, in Filosofia e in Scienze politiche, master universitario di primo livello in Counseling relazionale nei contesti scolastici, educativi e socio-sanitari, sono iscritto all’Ordine degli Psicologi della Lombardia in qualità di Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro. Da oltre quattordici anni sono iscritto all’Ordine dei Giornalisti. In questi anni ho pubblicato 7 libri, i più importanti dei quali sono “Crea immagini con le parole” (2013) e “Parlare in pubblico con la mindfulness” (2019), disponibili su Amazon.



.

.

Tag: , , , , , , , , , , , ,


Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.





Copyright © Patrick Facciolo. Riservato ogni diritto e utilizzo. Monitoriamo costantemente la rete: il nostro team di legali interviene ogniqualvolta venga a conoscenza di copie e utilizzi non autorizzati dei contenuti.