Il mio blog: le tecniche per parlare in pubblico



L’attacco di Luciano Canfora a Giorgia Meloni: linguaggio statico / dinamico e sottovalutazione del contesto

Lo studioso Luciano Canfora durante una conferenza in una scuola di Bari ha definito Giorgia Meloni una “neonazista nell’animo”.

In questo video analizzo questo passaggio, e individuo – dal mio punto di vista – due errori importanti di comunicazione.

 

La sottovalutazione del contesto

Analizziamo la frase pronunciata da Luciano Canfora:

“Trattata di solito come una mentecatta pericolosissima, siccome essendo neonazista nell’animo si è subito schierata con i neonazisti ucraini, è diventata una statista molto importante. Ed è tutta contenta naturalmente di questo ruolo”.

Prima di entrare nel merito dell’affermazione, un primo errore di comunicazione che ha commesso Canfora, a mio avviso, è stato quello di sottovalutare il contesto. Quando ha tenuto il suo discorso, infatti, si trovava in una scuola in Puglia davanti a un gruppo di studenti. Oggi, in qualsiasi contesto si tenga un discorso, a prescindere dalla quantità di persone che abbiamo di fronte, dobbiamo renderci conto che quello che diciamo può diventare virale.

Per questo motivo, quando parliamo in pubblico, è importante porre attenzione alle parole che pronunciamo dieci volte di più, rispetto a quanto non facessimo anche soltanto qualche anno fa.

 

 

Linguaggio statico vs linguaggio dinamico

Il secondo errore di comunicazione di Luciano Canfora, a mio parere, riguarda la gravità della sua affermazione, espressa attraverso un linguaggio cosiddetto statico.

Che cos’è il linguaggio statico, e perché è importante quando parliamo in pubblico? Si tratta di un tipo di comunicazione che fa uso del verbo “essere” per definire l’interlocutore, in questo caso pubblicamente.

L’alternativa potrebbe consistere invece nel ricorrere a un linguaggio di tipo dinamico, anche detto di processo. Ovvero un linguaggio che, anziché usare il verbo “essere” ed etichettare l’interlocutore, ci permette di descrivere meglio l’azione che ha eventualmente compiuto la persona di cui stiamo parlando, e di comunicare in maniera più chiara nei confronti del nostro pubblico.

Vediamo un esempio concreto per capire meglio la distinzione tra queste due soluzioni linguistiche. Se diciamo: “Carlo è un ritardatario”, possiamo facilmente notare come l’utilizzo del verbo “essere” abbia come conseguenza quella di rendere la definizione statica.

Per esprimere il concetto adottando un linguaggio dinamico, invece, la nostra frase potrebbe diventare: “Carlo ha fatto tardi quattro volte al nostro appuntamento”. In questo modo, anziché etichettare l’interlocutore, descrivo in maniera più chiara l’azione che ha compiuto e che voglio comunicare al pubblico.

 

Comunicare senza il verbo essere: un’impresa possibile?

Alcuni anni fa mi sono occupato delle possibilità offerte dalla linguistica di rinunciare all’utilizzo del verbo essere all’interno dei nostri discorsi: ne ho parlato in questo video, soffermandomi in particolar modo sulla cosiddetta lingua E-Prime, ideata alcuni decenni fa negli Stati Uniti proprio con questo scopo:

 

In conclusione, tornando allo specifico argomento di questo post, è importante considerare che Luciano Canfora si occupa di filologia ed è quindi un amante del lógos, del discorso. Credo per questo sia ancora più importante avere consapevolezza delle risorse del linguaggio.

E in particolar modo, dei vantaggi del linguaggio dinamico rispetto ai limiti di quello statico, il cui utilizzo esclusivo ci toglie tante possibilità quando parliamo in pubblico.

© Patrick Facciolo – Riservato ogni diritto e utilizzo. Vietata la riproduzione anche parziale.

The following two tabs change content below.

Dott. Patrick Facciolo

Insegno Public Speaking perché per me è importante che le persone si sentano ascoltate. Realizzo corsi individuali, aziendali e di gruppo, in presenza in tutta Italia e online attraverso Zoom. Diplomato al liceo classico, laureato in Scienze e tecniche psicologiche, in Filosofia e in Scienze politiche, master universitario di primo livello in Counseling relazionale nei contesti scolastici, educativi e socio-sanitari, sono iscritto all’Ordine degli Psicologi della Lombardia in qualità di Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro. Da oltre quattordici anni sono iscritto all’Ordine dei Giornalisti. In questi anni ho pubblicato 7 libri, i più importanti dei quali sono “Crea immagini con le parole” (2013) e “Parlare in pubblico con la mindfulness” (2019), disponibili su Amazon.



.

.

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.





Copyright © Patrick Facciolo. Riservato ogni diritto e utilizzo. Monitoriamo costantemente la rete: il nostro team di legali interviene ogniqualvolta venga a conoscenza di copie e utilizzi non autorizzati dei contenuti.