Il mio blog



Lo scontro tra Alessandro Orsini e Vittorio Parsi a Cartabianca: analisi della comunicazione

Alessandro Orsini e Vittorio Parsi hanno avuto uno scontro acceso durante la puntata di Cartabianca del 29 marzo, la trasmissione di Bianca Berlinguer in onda su RaiTre.

Come hanno comunicato? Quali modalità di comunicazione hanno utilizzato? Ne parlo in questo video.

La gestione della contesa: un confronto tra Vittorio Parsi e Alessandro Orsini

Commentiamo un primo estratto della puntata di Cartabianca:

Dopodiché, avevamo preso un accordo di parlare di fatti. Non è stato rispettato, io con molta simpatia la saluto, grazie.

Vittorio Parsi, rivolgendosi a Bianca Berlinguer

Innanzitutto è importante sottolineare che in televisione gli ospiti in collegamento partono spesso da una posizione di svantaggio. Bisogna infatti considerare che sentono in ritardo le parole che arrivano dallo studio, hanno dei microfoni diversi da quelli di chi si trova in studio e, soprattutto, la connessione a internet non sempre dà la possibilità di fare in modo che le proprie parole possano fluire in maniera chiara e definita.

Continuiamo con la seconda parte del video per continuare la nostra analisi.

– Alessandro Orsini: Stai facendo una figuraccia. Cioè, non hai detto nulla, hai fatto solo un intervento da saccente.

– Vittorio Parsi: Alessandro, ti saluto.

In questo passaggio emergono due modalità di gestione della contesa molto diverse tra loro. Da una parte c’è Vittorio Parsi che, per dirla in termini sportivi, abbandona la partita, cioè chiude la conversazione. In comunicazione questa modalità rappresenta una forma di off topic, di fuori tema: qualunque cosa tu dica, io voglio interrompere la conversazione.

Dall’altra parte possiamo invece osservare una modalità completamente diversa. Alessandro Orsini, infatti, si rivolge a Vittorio Parsi dicendogli che sta facendo una figuraccia. Questo aspetto è molto interessante perché, evocando il termine “figuraccia”, Orsini costruisce attraverso le parole un’immagine mentale a cui il pubblico potrebbe non aver pensato fino a quel momento. E in questo modo porta l’ascoltatore a valutare se questa affermazione sia verificata oppure no.

 

L’analogia tra la comunicazione di Alessandro Orsini e quella di Volodymyr Zelensky

Possiamo infine individuare un elemento che accomuna la comunicazione di Alessandro Orsini a quella del Presidente dell’Ucraina Zelensky: la modalità che in diversi altri miei articoli ho denominato “Io ti definisco“. Anche Zelensky, infatti, nella conclusione di molti discorsi, definisce i suoi interlocutori sulla base del loro comportamento, aspetto di cui mi sono occupato recentemente in alcuni video che ho pubblicato su YouTube.

In particolare, all’interno del video che segue ho sottolineato come, durante il suo discorso al Parlamento Europeo, Zelensky dicesse:

Mostrateci che non ci abbandonerete, mostrateci che siete veramente europei.

 

In maniera simile, in un altro mio video, ho fatto notare come Zelensky, in collegamento con il congresso USA, rivolgesse il suo invito all’azione direttamente al Presidente degli Stati Uniti Joe Biden in questi termini:

Sei il leader della tua nazione, della tua grande nazione. Ti auguro di diventare il leader del mondo […] Essere il leader del mondo significa essere leader della pace.

 

In definitiva, notiamo quindi come questa modalità di comunicazione sia molto simile a quella utilizzata da Orsini quando afferma: “Se te ne vai stai facendo una figuraccia”.

Entrambi, infatti, utilizzano parole che cercano di descrivere gli interlocutori, e che allo stesso tempo possono creare delle immagini mentali a cui gli ascoltatori – se non avessero sentito proprio quelle stesse parole – probabilmente non avrebbero pensato.

 

© Patrick Facciolo – Riservato ogni diritto e utilizzo. Vietata la riproduzione anche parziale.


Il mio corso online di Public Speaking


6 LEZIONI A DISTANZA · LIBRO IN OMAGGIO · ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

Clicca qui per saperne di più



The following two tabs change content below.

Dott. Patrick Facciolo

Insegno Public Speaking perché per me è importante che le persone si sentano ascoltate. Realizzo corsi individuali, aziendali e di gruppo, in presenza in tutta Italia e online attraverso Zoom. Diplomato al liceo classico, laureato in Scienze e tecniche psicologiche, in Filosofia e in Scienze politiche, master universitario di primo livello in Counseling relazionale nei contesti scolastici, educativi e socio-sanitari, sono iscritto all’Ordine degli Psicologi della Lombardia in qualità di Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro. Da oltre quattordici anni sono iscritto all’Ordine dei Giornalisti. In questi anni ho pubblicato 7 libri, i più importanti dei quali sono “Crea immagini con le parole” (2013) e “Parlare in pubblico con la mindfulness” (2019), disponibili su Amazon.



.

.

Tag: , , , , , , , , ,


Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.





Copyright © Patrick Facciolo. Riservato ogni diritto e utilizzo. Monitoriamo costantemente la rete: il nostro team di legali interviene ogniqualvolta venga a conoscenza di copie e utilizzi non autorizzati dei contenuti.