Sanremo 2022: il cast, gli ospiti, i conduttori

Sanremo 2022: il cast, gli ospiti, i conduttori

Sanremo 2022: il cast, gli ospiti, i conduttori

Mancano pochi giorni all’esordio del Festival di Sanremo, la kermesse musicale più famosa d’Italia. Anche quest’anno a condurre sarà Amadeus, sebbene non sia chiaro se anche Fiorello parteciperà in veste di co-conduttore. Come ogni anno il Festival sarà suddiviso in 5 giornate, a partire da martedì 1 sino a sabato 6 febbraio 2022.

Quest’anno è prevista un’unica gara, quella dei big, poiché le cosiddette “nuove proposte” si sono già esibite nel corso del 2021, e sono stati scelti 3 partecipanti che hanno accesso, di diritto, alla categoria unica di artisti voluta da Amadeus.

Continua a leggere →
Sanremo 2021 si avvicina: date, cantanti in gara e titoli delle canzoni

Sanremo 2021 si avvicina: date, cantanti in gara e titoli delle canzoni

Dal 2 al 6 marzo andrà in scena, sul palco del Teatro Ariston di Sanremo, la 71esima edizione del Festival della Canzone Italiana. A condurre l’edizione numero 71 ancora una volta Amadeus, che nonostante le restrizioni legate alla pandemia Covid-19 sta cercando di organizzare un’edizione per quanto possibile “normale”, dando centralità alla musica.

Continua a leggere →
La psicologia delle fake news: dalle immagini mentali ai rischi del debunking

La psicologia delle fake news: dalle immagini mentali ai rischi del debunking

Quando parliamo di “fake news” ci riferiamo a notizie false (talvolta definite più semplicemente “bufale”), non comprovate da evidenze sufficienti e soddisfacenti. Si tratta di un fenomeno di cui si parla molto in questi ultimi anni, con la diffusione capillare del web e dei social network.

I rischi del debunking

L’atto di smentire una fake news va sotto il nome di “debunking“, smascheramento, e ci sono migliaia di giornalisti in tutto il mondo che si dedicano a questa attività. Tuttavia, paradossalmente, quando tentiamo di smascherare una fake news (una notizia falsa), talvolta potremmo correre il rischio di amplificarla.

Succede per un fenomeno trattato in psicologia per cui, per negare qualcosa, prima di tutto ce la rappresentiamo mentalmente, per poi applicare a quella stessa immagine mentale la categoria di negazione.

Continua a leggere →
Gianni Togni: “Preferisco sia la musica a vincere, non la faccia dell’artista”

Gianni Togni: “Preferisco sia la musica a vincere, non la faccia dell’artista”

Ricordo perfettamente la prima volta in cui ho cominciato ad ascoltare la musica di Gianni Togni: era il 2001, la mia prima sera a Milano da studente universitario. Il giorno stesso avevo comprato in Piazza del Duomo un suo cd, che si intitolava, manco a farlo apposta, “Luna”.

Conteneva alcune delle sue canzoni più famose: Attimi, Semplice, Ombre cinesi, Maggie, Chissà se mi ritroverai e tante altre. Da lì ho cominciato a collezionare i suoi vinili, qualche anno dopo (e per molti anni) a fare radio, e per tanto tempo mi è rimasto un cruccio: “Riuscirò prima o poi a intervistarlo?”.

Sono rimasto con questo dubbio fino alla settimana scorsa. Poi, quando finalmente è arrivato il momento di incontrarlo, ho capito perché. “Preferisco sia la musica a vincere, non la faccia dell’artista”: con queste parole Gianni Togni descrive perfettamente il suo approccio alla musica, e al mondo dello spettacolo in generale. Poche interviste, poche apparizioni in televisione, presenza sui social quanto serve (“non li uso per dire cosa sto mangiando o dove vado in vacanza”), e per parlare di musica.

Gianni Togni non sembra fare musica per compiacere qualcuno, non pubblica album “perché va fatto”, non va in televisione se è solo per cantare i suoi classici (a cui deve molto, e che, come dice lui, gli permettono di fare quello che fa oggi).

Ama quello che fa, scrive come e quello che gli piace, sta sui social quanto basta, e non va a Sanremo (“se è una vetrina va usata per chi ne ha bisogno: a Sanremo chiamerei molti più giovani”).

Una chiacchierata in cui abbiamo parlato del presente e le sue scelte – “Futuro improvviso” è il titolo del suo nuovo album, registrato in analogico -, del passato, dagli studi in lettere fino alla carriera di

Continua a leggere →
Roberto Casalino, “Il fabbricante di ricordi”, ci racconta come sono nate le sue canzoni

Roberto Casalino, “Il fabbricante di ricordi”, ci racconta come sono nate le sue canzoni

Le canzoni sono parte delle nostre vite, e dei nostri ricordi. E chi le scrive è un po’ come se fosse l’artefice di molte nostre emozioni.

Domenica 15 settembre ho avuto il piacere di intervistare a Milano uno degli autori italiani più importanti degli ultimi undici anni, Roberto Casalino, che ha firmato alcuni dei brani più famosi di questo periodo (“Non ti scordar mai di me” e “Novembre” per Giusy Ferreri, “Magnifico” per Francesca Michielin e Fedez, “Cercavo amore” per Emma, “Sul ciglio senza far rumore” per Alessandra Amoroso, “L’essenziale” per Marco Mengoni, che ha anche vinto il Festival di Sanremo e partecipato a Eurovision Song Contest).

Roberto ha appena pubblicato un nuovo album, in cui ha ricantato in prima persona molti dei successi che ha scritto, in coppia con alcuni degli interpreti che li hanno portati al successo. L’album, “Il fabbricante di ricordi”, ha un titolo molto particolare, di cui ci racconta l’origine proprio in questo video.

Se amate la musica italiana, e volete scoprire come sono nate alcune di queste canzoni che hanno segnato le nostre vite, questa è davvero un’intervista da non perdere.

© Radio Linguaggio – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Continua a leggere →
Copyright © Patrick Facciolo. Riservato ogni diritto e utilizzo. Monitoriamo costantemente la rete: il nostro team di legali interviene ogniqualvolta venga a conoscenza di copie e utilizzi non autorizzati dei contenuti.