Il mio blog: le tecniche per parlare in pubblico



La comunicazione di Giorgia Meloni: i rischi della “excusatio non petita”

Il 25 gennaio Giorgia Meloni, assieme ad altri leader del centrodestra, ha presentato la cosiddetta “rosa dei candidati” per la Presidenza della Repubblica. Lo ha fatto in una maniera un po’ particolare e in questo post cercheremo di analizzare la sua comunicazione soffermandoci sulle parole che ha utilizzato.

Excusatio non petita, accusatio manifesta

<<Quest’area politica e culturale nulla ha da temere in termini di autorevolezza. Letizia Moratti, dirigente d’azienda, politico, presidente della Rai, sindaco di Milano, vicepresidente della Regione Lombardia, è stata ministro come Einaudi, Segni, Saragat, Cossiga, Scalfaro, Ciampi, Napolitano. Segnatamente, è stata ministro dell’istruzione come Sergio Mattarella. Mi pare che abbia il curriculum.>>

Potremmo dire che il discorso di Giorgia Meloni rappresenti un tipico esempio di excusatio non petita, accusatio manifesta: se vogliamo comunicare qualcosa, infatti, è sufficiente limitarci ad affermarlo, non c’è alcun motivo di compararlo a qualcos’altro nel tentativo di dare sostegno alle nostre argomentazioni.

Quando la comunicazione diventa controproducente

Frasi come: “mi sembra che abbia il curriculum” o “non ha niente da invidiare in termini di autorevolezza”, fanno subito venire in mente una comparazione e creano le condizioni per ottenere esattamente l’effetto contrario: magari l’ascoltatore non aveva neanche pensato che Letizia Moratti potesse essere poco autorevole, ma quelle affermazioni hanno sicuramente contribuito a costruire l’immagine mentale opposta a quella che il comunicatore voleva evocare.

Questo è il rischio della comunicazione che afferma negando, e che ci riporta ancora una volta al tema di un video che ho pubblicato un po’ di tempo fa: una smentita è una notizia data due volte.

 

© Patrick Facciolo – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.


Il mio corso online di Public Speaking


6 LEZIONI A DISTANZA DAL VIVO · LIBRO IN OMAGGIO · ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

Clicca qui per saperne di più



The following two tabs change content below.

Dott. Patrick Facciolo

Insegno Public Speaking perché per me è importante che le persone si sentano ascoltate. Realizzo corsi individuali, aziendali e di gruppo, in presenza in tutta Italia e online attraverso Zoom. Diplomato al liceo classico, laureato in Scienze e tecniche psicologiche, in Filosofia e in Scienze politiche, master universitario di primo livello in Counseling relazionale nei contesti scolastici, educativi e socio-sanitari, sono iscritto all’Ordine degli Psicologi della Lombardia in qualità di Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro. Da oltre quattordici anni sono iscritto all’Ordine dei Giornalisti. In questi anni ho pubblicato 7 libri, i più importanti dei quali sono “Crea immagini con le parole” (2013) e “Parlare in pubblico con la mindfulness” (2019), disponibili su Amazon.



.

.

Tag: , , , , , ,


Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.





Copyright © Patrick Facciolo. Riservato ogni diritto e utilizzo. Monitoriamo costantemente la rete: il nostro team di legali interviene ogniqualvolta venga a conoscenza di copie e utilizzi non autorizzati dei contenuti.