Il mio blog



Guardare troppe notizie sulla guerra ci fa male? Il fenomeno del “Doomscrolling”

In queste ore siamo costantemente alla ricerca di notizie sulla guerra. Questo fenomeno è chiamato doomscrolling, e consiste nel trascorrere una quantità di tempo eccessiva dedicata all’assorbimento di flussi di informazioni negative.

Esiste un modo più funzionale per relazionarci con questa esperienza? Ne parlo in questo video, cercando di individuare alcune soluzioni possibili.

 

I rischi del “Doomscrolling”

Il termine doomscrolling è stato utilizzato molto soprattutto durante la prima fase della pandemia. Così come sta accadendo oggi per la guerra in Ucraina, eravamo alla continua ricerca di notizie, informazioni e aggiornamenti, che spesso erano (e sono) inevitabilmente negativi.

Ma quali possono essere gli effetti di questa attività sulla nostra mente? Per prima cosa potremmo avere un aumento delle condizioni di stress. Inoltre potrebbe accentuarsi il cosiddetto rimuginio, la tendenza a pensare in maniera ricorrente a quello che sta succedendo.

Questo meccanismo ci può portare ad attivare delle immagini mentali relative non solo a ciò che abbiamo visto, ma anche a quello che potrebbe accadere. Potremmo iniziare a immaginarci degli scenari catastrofici, e in certi casi potrebbe diventare difficile continuare a vivere normalmente la nostra quotidianità.

 

Alcune possibili soluzioni per relazionarci con questo fenomeno

Quali sono i rimedi a cui possiamo ricorrere per provare a contenere gli effetti del doomscrolling? Prima di tutto abbiamo la possibilità di limitare l’accesso alle notizie a dei momenti specifici, dandoci degli orari precisi durante la giornata, in modo da non essere costantemente esposti alle informazioni in maniera continua.

Un’altra risorsa che abbiamo a nostra disposizione è quella della mindfulness, un termine inglese che traduciamo generalmente con “consapevolezza” e che racchiude una serie di pratiche di meditazione laica che ci possono aiutare a stare di più nel momento presente.

La mindfulness può aiutarci quindi a considerare che un pensiero è soltanto un pensiero e che una previsione catastrofica sul futuro è solo una previsione, che non rispecchia necessariamente la realtà. Questo tipo di pratica ci può aiutare a regolare meglio le nostre emozioni e a rafforzare alcune aree del nostro cervello, tra cui la corteccia prefrontale.

In conclusione, è evidente che negli ultimi tempi siamo sempre più esposti a un gran numero di informazioni. Il punto è che, come abbiamo appena visto, esiste la possibilità di decidere quanto e quando esporci e come relazionarci con esse. Ci vuole un po’ di impegno, ma se utilizziamo al meglio le risorse di cui disponiamo possiamo riuscirci.

 

© Patrick Facciolo – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

The following two tabs change content below.

Dott. Patrick Facciolo

Insegno Public Speaking perché per me è importante che le persone si sentano ascoltate. Realizzo corsi individuali, aziendali e di gruppo, in presenza in tutta Italia e online attraverso Zoom. Diplomato al liceo classico, laureato in Scienze e tecniche psicologiche, in Filosofia e in Scienze politiche, master universitario di primo livello in Counseling relazionale nei contesti scolastici, educativi e socio-sanitari, sono iscritto all’Ordine degli Psicologi della Lombardia in qualità di Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro. Da oltre quattordici anni sono iscritto all’Ordine dei Giornalisti. In questi anni ho pubblicato 7 libri, i più importanti dei quali sono “Crea immagini con le parole” (2013) e “Parlare in pubblico con la mindfulness” (2019), disponibili su Amazon.



.

.

Tag: , , , , , ,


Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.





Copyright © Patrick Facciolo. Riservato ogni diritto e utilizzo. Monitoriamo costantemente la rete: il nostro team di legali interviene ogniqualvolta venga a conoscenza di copie e utilizzi non autorizzati dei contenuti.