-

Comunicare con Semplicità: il segreto di Apple raccontato da Ken Segall

Oggi parliamo del libro di Ken Segall “Simply Apple. L’ossessione di Steve Jobs”, edito da Sperling & Kupfer – Euro 16 da copertina,  un inno alla semplicità non solo dei prodotti, ma anche dell’organizzazione aziendale. Innazitutto precisiamo che Ken Segall è un esperto di comunicazione e ha lavorato a stretto contatto con Steve Jobs per ben 12 anni, ha collaborato con lui dal lancio dell’iMac fino alla famosa campagna “Think different”. Tiene un seguitissimo blog “Ken Segall’s Observatory”, nel quale parla di tecnologia e di marketing.

L’intervento di Ken Segall in Italia al Festival del Linguaggio 2013

Il “bastone” della semplicità

Il libro è una lettura piacevole che consente di curiosare nella vita di Steve Jobs, quasi come se si partecipasse a riunioni con lui, si condividessero i suoi pensieri, il suo modo di vedere e di “sentire” la realtà, la tecnologia, i collaboratori e i concorrenti, la vita lavorativa quotidiana con le fatiche e gli aneddoti che porta con sé. Nel libro Segall ripete più volte che la semplicità per Steve Jobs era una sorta di religione. Il testo è diviso in 10 capitoli e ognuno si concentra su argomenti diversi, ma il cardine resta “simple stick” (il bastone della semplicità), che ha rappresentato la chiave del successo per Apple. In ogni capitolo vengono presentati esempi e casi che rafforzano l’importanza  della semplicità, talvolta in modo brutale, talvolta in modo simpatico, ma sempre e comunque per indicare una strada di successo.

La semplicità come metodo di lavoro

Gli esempi pratici aiutano ad avere una visione reale su come applicare il dogma della semplicità, sono un valido spunto per provare a pensare in modo più minimalista. I campi di applicazione vanno dal semplice messaggio via email alla conversazione con il capo, dal tono della telefonata al documento da condividere con i collaboratori. Segall sottolinea, inoltre, l’importanza di lavorare in piccoli gruppi, in piccole squadre per mantenere semplicità di relazioni e sviluppare al meglio l’efficienza, favorendo un confronto diretto ed immediato. La semplicità tuttavia non può distrarre la mente dal pensiero creativo e da obiettivi chiari che, ogni giorno, dovrebbero orientare l’attività di ognuno. Del resto prodotti semplici e di facile utilizzo sono, da sempre, la chiave del successo del mondo Apple: un’azienda, un uomo che ha saputo creare dei bisogni per poi soddisfarli in modo semplice ed immediato. Una filosofia che è non rimasta teoria ma è e continua ad essere realtà.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione anche parziale.



Questa voce è stata pubblicata in Ultimi aggiornamenti e contrassegnata con , , , , , .

I commenti sono chiusi.

Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.