-

Creare una web-radio e diventare Dj? Con Spreaker si può

Da diversi anni il fenomeno delle web radio ha rivoluzionato il nostro modo di concepire e fruire i contenuti di uno dei media più popolari e amati dagli italiani. Basti pensare alle non poche radio che hanno attivato non solo lo streaming online del flusso, ma addirittura hanno creato più canali tematici che gli internauti possono scegliere in base ai loro gusti musicali.

Dalle web radio alle social web radio

Internet, oggi, è soprattutto social network: da Facebook a Twitter, passando per Flickr e YouTube, sono ormai innumerevoli le piattaforme online che ci permettono di condividere con gli amici pensieri, parole, immagini e video. In un panorama di questo tipo, non poteva certo mancare un social network dedicato alla condivisione di file audio: stiamo naturalmente parlando di Spreaker, un innovativo esperimento di “social web radio” nato circa un anno fa su iniziativa di alcuni ragazzi di Bologna.

Con Spreaker puoi costruire la tua radio su misura

Grazie a Spreaker, è possibile creare e successivamente condividere contenuti audio in diretta o sotto forma di podcast in maniera semplice e immediata: non è infatti necessario scaricare nessuna applicazione, è sufficiente accedere al sito internet spreaker.com, registrarsi, e iniziare a creare e condividere i nostri contenuti che, secondo la logica dei social network, possono essere diffusi immediatamente anche su Facebook grazie all’applicazione Facebook Connect di Spreaker.

Come diventare DJ in poche semplici mosse

L’utilizzo della piattaforma di Spreaker è semplice e intuivo: non solo possiamo scegliere se andare in diretta oppure registrare un podcast, ma abbiamo anche a disposizione una console virtuale – chiamata Deejay – grazie alla quale possiamo immediatamente andare in onda e anche inserire nel flusso file musicali in nostro possesso. Con Spreaker, quindi, chiunque può ideare e condurre un vero e proprio programma radiofonico, oppure realizzare e condividere podcast con i contenuti preferiti.

• Su YouTube il tutorial ufficiale di Spreaker

Funzionalità avanzate e applicazione mobile

Oltre all’account basic, disponibile gratuitamente, Spreaker offre anche un account premium a pagamento, grazie al quale è possibile superare alcune delle limitazioni dell’account free, come ad esempio il limite di 30 minuti di registrazione consecutiva per ogni programma e quello di 60 minuti per le proprie librerie di file musicali. L’ascolto dei contenuti di Spreaker è garantito anche in mobilità grazie all’app dedicata, scaricabile gratuitamente da App Store e compatibile con tutti i modelli di iPhone, iPad e iPod.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione anche parziale.



Questa voce è stata pubblicata in Ultimi aggiornamenti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .

I commenti sono chiusi.

Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.