-

Occhiali multimediali: sostituiranno smartphone e tablet?

Cari amici di Parlarealmicrofono.it,

chi fra i più tecnologici di noi non ha sognato di poter indossare un paio di occhiali in grado di sostituire in un colpo solo tutti i device che siamo abituati a portare con noi? Se fino a pochi anni fa questa possibilità era riservata ai protagonisti di film di fantascienza, oggi questa tecnologia, benché ancora in fase di sviluppo, comincia a essere disponibile negli store di elettronica: stiamo naturalmente parlando degli occhiali multimediali. Ci occupiamo oggi di due modelli che hanno visto la luce negli scorsi mesi e di un progetto lanciato nelle scorse settimane.

Sony HMZ–T1

Il visore multimediale Sony HMZ–T1 si caratterizza per essere dotato di due schermi OLED tramite i quali è possibile fruire di contenuti multimediali in alta definizione sia in 2D sia in 3D. Gli occhiali necessitano di essere connessi ad un device esterno dotato di uscita HDMI – come un decoder o un lettore DVD Blu-ray o una console – tramite il quale avremo la possibilità di vedere i nostri contenuti su uno schermo che appare gigante, grazie ai due visori da 1280×720 pixel che occupano tutta la visione periferica. Il Sony HMZ–T1, dovendo essere collegato a una fonte di alimentazione e a un device esterno, risulta scarsamente “portatile”, anche alla luce del peso (circa 500 grammi), che può rendere fastidioso l’indossarlo per periodi troppo lunghi. Il prezzo di listino è di circa 800 euro.

________________________________________________________________________________________________

________________________________________________________________________________________________

Il progetto di Google

Negli scorsi giorni anche Google ha lasciato trapelare alcune indiscrezioni sul cosiddetto “Project Glass”. Attraverso un video dimostrativo rilasciato su Google+, l’azienda di Mountain View ha lasciato intendere le potenzialità del progetto, mostrando la giornata tipo resa possibile dagli occhiali multimediali. Dall’alba al tramonto, semplicemente tramite gli occhiali, sarà possibile leggere la posta, ottenere indicazioni stradali, rispondere a telefonate e sms, scattare foto e condividerle sui social network.

Ecco il video di Google Project Glass tratto da YouTube:

La descrizione del video incoraggia gli utenti a fare proposte per migliorare il dispositivo, invitando tutti gli internauti a mettere in evidenza quali caratteristiche vorrebbero implementate nel device.

_________________________________________________________________________________

_________________________________________________________________________________

Epson Moverio BT-100

Gli occhiali multimediali Epson Moverio BT-100 sono equipaggiati con il sistema operativo Android e includono funzioni quali lettura di email, apertura di applicazioni e documenti, ascolto di musica in formato mp3. Collegandoli al nostro telefono cellulare, inoltre, gli occhiali Epson sono in grado di navigare in rete. Rispetto al modello proposto da Sony di cui abbiamo parlato prima, le lenti degli Epson Moverio sono trasparenti: ciò significa che risulta possibile guardare insieme i contenuti multimediali che ci interessano e il “mondo reale” alle loro spalle. Il prezzo? Neppure questo accessorio è alla portata di tutte le tasche, ma con i suoi 600 euro è decisamente meno costoso del Sony HMZ–T1.

© 2012 Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione anche parziale.

Ti è piaciuto questo post e vuoi restare aggiornato sulle novità di Parlarealmicrofono.it? Iscriviti gratuitamente alla newsletter!

[newsletter]



Questa voce è stata pubblicata in Comunicazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , .

I commenti sono chiusi.

Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.