-

Radiomicrofoni: un futuro a rischio estinzione?

Cari amici di Parlarealmicrofono.it,

Radiomicrofoni a rischio estinzione?secondo quanto pubblicato dal Wall Street Journal a inizio febbraio, negli Stati Uniti la continua espansione della rete wi-fi potrebbe mettere a rischio l’uso dei microfoni senza fili, anche detti radiomicrofoni. Nati per superare la scomodità nell’uso dei tradizionali microfoni a cavo, soprattutto in tv, a teatro e nelle esibizioni live, i radiomicrofoni (nella versione detta in gergo “gelato” oppure nel modello ad archetto, posizionato a lato della bocca) per funzionare utilizzano un circuito trasmettitore che modula un segnale radio verso un ricevitore posto vicino al mixer audio. Per fare ciò utilizzano uno spettro di frequenze di cui una buona parte è più adatta al trasporto di grandi quantità di dati.

Il problema delle frequenze

Queste frequenze fanno sempre più gola alle multinazionali della tecnologia come Google, Apple, Microsoft, a caccia in tutta la nazione di onde radio per la telefonia mobile e per le tecnologie Wi-Fi superveloci, sopratutto dopo l’annuncio del presidente Obama di voler dotare la nazione di un’immensa copertura di rete wi-fi gratuita. Le grandi Chiese con i loro predicatori, i produttori di Broadway e la National Football League, (tutti grandi utilizzatori di microfoni senza fili) hanno stretto una “santa alleanza” per fare lobbying a Washington, mentre i produttori di microfoni hanno incontrato i vertici della Federal Communications Commission, e per dare grande risalto alla vicenda, hanno coinvolto un’icona americana come Bruce Springsteen. «Certe proposte – sostengono – potrebbero rovinare l’immagine di un’istituzione della cultura americana».

L’attesa per la sentenza e la situazione in Italia

I big della tecnologia contrattaccano: i radiomicrofoni, dicono, utilizzano in modo «del tutto inefficace le frequenze radio» privando così decine di milioni di consumatori americani dei benefici della banda larga. La prima sentenza di questa battaglia del microfono arriverà solo nel 2014. Secondo il Wsj il rischio è serio. In Italia, in questo campo, è stata recepita una decisione europea e dal 1° gennaio 2013 la banda di frequenze 790 – 862 MHz è destinata ai sistemi terrestri in grado di fornire servizi di comunicazione elettronica (telefonia mobile, TX dati, voce, video a larga banda, etc). Ai nuovi radiomicrofoni professionali, è consentito l’utilizzo solo della banda di frequenze 470 – 790 MHz.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione anche parziale.



Questa voce è stata pubblicata in Ultimi aggiornamenti e contrassegnata con , , , , .

I commenti sono chiusi.

Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.