-

Gianni Togni: “Preferisco sia la musica a vincere, non la faccia dell’artista”

Ricordo perfettamente la prima volta in cui ho cominciato ad ascoltare la musica di Gianni Togni: era il 2001, la mia prima sera a Milano da studente universitario. Il giorno stesso avevo comprato in Piazza del Duomo un suo cd, che si intitolava, manco a farlo apposta, “Luna”.

Conteneva alcune delle sue canzoni più famose: Attimi, Semplice, Ombre cinesi, Maggie, Chissà se mi ritroverai e tante altre. Da lì ho cominciato a collezionare i suoi vinili, qualche anno dopo (e per molti anni) a fare radio, e per tanto tempo mi è rimasto un cruccio: “Riuscirò prima o poi a intervistarlo?”.

Sono rimasto con questo dubbio fino alla settimana scorsa. Poi, quando finalmente è arrivato il momento di incontrarlo, ho capito perché. “Preferisco sia la musica a vincere, non la faccia dell’artista”: con queste parole Gianni Togni descrive perfettamente il suo approccio alla musica, e al mondo dello spettacolo in generale. Poche interviste, poche apparizioni in televisione, presenza sui social quanto serve (“non li uso per dire cosa sto mangiando o dove vado in vacanza”), e per parlare di musica.

Gianni Togni non sembra fare musica per compiacere qualcuno, non pubblica album “perché va fatto”, non va in televisione se è solo per cantare i suoi classici (a cui deve molto, e che, come dice lui, gli permettono di fare quello che fa oggi).

Ama quello che fa, scrive come e quello che gli piace, sta sui social quanto basta, e non va a Sanremo (“se è una vetrina va usata per chi ne ha bisogno: a Sanremo chiamerei molti più giovani”).

Una chiacchierata in cui abbiamo parlato del presente e le sue scelte – “Futuro improvviso” è il titolo del suo nuovo album, registrato in analogico -, del passato, dagli studi in lettere fino alla carriera di cantautore, all’ultima versione di Luna pubblicata da Jovanotti (una versione “rispettosa dell’originale, anche se l’avrei fatta in analogico”).

Insomma, venti minuti di chiacchierata che sono valsi, da soli, questi 18 anni di attesa.

© Radio Linguaggio – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

The following two tabs change content below.

Dott. Patrick Facciolo

Mi occupo di formazione e coaching sui temi del Public Speaking e della comunicazione efficace. Svolgo attività di divulgazione su queste tematiche attraverso il mio blog, Parlarealmicrofono.it, e realizzo corsi di comunicazione per aziende e professionisti in tutta Italia e in modalità online. Oltre a essere un giornalista, sono iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia in qualità di Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro. Ho pubblicato sei libri, i più importanti dei quali sono "Crea immagini con le parole" (2013) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019), disponibili su Amazon.


Info su Dott. Patrick Facciolo

Mi occupo di formazione e coaching sui temi del Public Speaking e della comunicazione efficace. Svolgo attività di divulgazione su queste tematiche attraverso il mio blog, Parlarealmicrofono.it, e realizzo corsi di comunicazione per aziende e professionisti in tutta Italia e in modalità online. Oltre a essere un giornalista, sono iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia in qualità di Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro. Ho pubblicato sei libri, i più importanti dei quali sono "Crea immagini con le parole" (2013) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019), disponibili su Amazon.
Questa voce è stata pubblicata in Radio Linguaggio e contrassegnata con , , , , , .

I commenti sono chiusi.

Libri Parlare in pubblico

Se sei interessato ai temi del Public Speaking e della comunicazione sui media, ho da poco pubblicato la raccolta di tutti i miei libri. Si intitola "Enciclopedia del Public Speaking", ed è disponibile su Amazon.

Quali parole scegliere quando dobbiamo parlare in pubblico? Come favorire l'attenzione di chi ci ascolta? Come esprimere i nostri contenuti in maniera efficace? Come relazionarci meglio con lo stress che proviamo sul palco? Sono solo alcune domande a cui cerco di rispondere in maniera esaustiva in oltre 450 pagine.

"Enciclopedia del Public Speaking" è la raccolta dei miei primi cinque libri: "Crea immagini con le parole" (2013), "Il pubblico non è una mucca da contenuti" (2014), "Appunti di dizione" (2016), "Parlare al microfono" (2017) e "Parlare in pubblico con la mindfulness" (2019).

Enciclopedia del Public Speaking è disponibile su Amazon.