“Scendi il cane”: perché do ragione all’Accademia della Crusca

In questi giorni si discute molto della parziale apertura da parte dell’Accademia della Crusca sull’utilizzo di formule come “siedi il bambino” o “esci il cane”, cioè dell’uso transitivo di verbi che fino a poco tempo fa non erano considerati tali.

Personalmente, penso che siamo noi gli attori del linguaggio: noi stessi, attraverso il nostro uso, modifichiamo giorno dopo giorno le abitudini consolidate con cui ci esprimiamo. Questo non significa dimostrare noncuranza o ignorare le regole della grammatica. Significa accettare l’idea che l’italiano, lentamente, cambia, anche sulla base dell’uso.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Pubblicato in Ultimi aggiornamenti | Contrassegnato , , , , , , , , |

Mindfulness e Public Speaking: perché la meditazione può essere utile per chi parla in pubblico

In che modo la meditazione mindfulness può essere utile per chi parla in pubblico? Cosa c’entra con il Public Speaking? Ve ne parlo in questo video.

Se vuoi saperne di più su questo tema, scopri il mio libro “Parlare in pubblico con la mindfulness”:

Data di pubblicazione: 12 gennaio 2019
ISBN : 978-1730878930
Formato : 15×23
Foliazione : 117 pagine
Copertina : Morbida
Stampa : bianco e nero
Prezzo: Euro 19,99

Compralo adesso su Amazon

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Pubblicato in Ultimi aggiornamenti | Contrassegnato , , , , , , , , , |

Paura di parlare in pubblico: l’importanza di relazionarsi con le emozioni (senza per forza combatterle)

Quando parliamo di “paura di parlare in pubblico” credo sia importante cominciare a farlo nell’ottica di relazionarsi con le emozioni che proviamo, e non necessariamente nell’ottica di combatterle.

È importante valorizzare il fatto che le emozioni sono parte del nostro essere umani, e che non è forzandoci di scacciarle che azzeriamo tutto d’un tratto lo stress che proviamo sul palco.

Mi occupo di questo e molto altro in “Parlare in pubblico con la mindfulness”, il mio nuovo libro che raccoglie la mia esperienza di formatore, di giornalista e di dottore in tecniche psicologiche, con lo scopo di migliorare la nostra gestione dello stress da palco attraverso la mindfulness e le risorse del linguaggio.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Pubblicato in Ultimi aggiornamenti | Contrassegnato , , , , , , , , , , , |

È uscito “Parlare in pubblico con la mindfulness”, il libro per gestire meglio lo stress da Public Speaking

Cari amici di Parlarealmicrofono.it,

oggi voglio darvi una notizia importante: dopo 5 anni di lavoro e di crescita personale e professionale, dopo un’altra laurea, un tirocinio, un esame di stato e un’abilitazione come dottore in tecniche psicologiche, con il video qui sotto finalmente unisco i puntini: vi presento il mio nuovo libro, una delle cose più belle che io abbia mai scritto.

“Parlare in pubblico con la mindfulness. Gestire meglio lo stress da palco con la meditazione e le risorse del linguaggio” (P. Facciolo, 2019, ISBN 978-1730878930), disponibile su Amazon.

GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE

“Possiamo imparare a gestire meglio lo stress che proviamo sul palco attraverso la meditazione? La mindfulness, i cui effetti benefici sono stati dimostrati da numerose ricerche, può insegnarci a relazionarci meglio con i nostri pensieri, emozioni e sensazioni, aspetti che possono risultare particolarmente utili quando parliamo in pubblico. Attraverso le pratiche e gli esercizi proposti nel libro, scopriremo un approccio nuovo ai temi dello stress da Public Speaking, fondato sulla centralità del momento presente e sulle risorse offerte dal nostro stesso linguaggio.”

Acquista il libro

Data di pubblicazione: 12 gennaio 2019
ISBN : 978-1730878930
Formato : 15×23
Foliazione : 117 pagine
Copertina : Morbida
Stampa : bianco e nero
Prezzo: Euro 19,99

Compralo adesso su Amazon


Pubblicato in Ultimi aggiornamenti | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , |

È giusto tenere le mani in tasca quando parliamo in pubblico?

Nella puntata di oggi torno a parlare di linguaggio del corpo nel Public Speaking: l’atto di tenere le mani in tasca durante un discorso in pubblico può migliorare o peggiorare la nostra efficacia comunicativa?

Per rispondere, torno sulla distinzione tra “osservazione” e “interpretazione”, sostenendo che non è possibile conoscere con certezza il significato di questo gesto.

Piuttosto – e questo è decisamente più alla nostra portata – è importante soffermarci sul rischio che a causa dei nostri gesti il pubblico possa distrarsi da quello che stiamo dicendo, e questo vale ovviamente anche per le mani in tasca.

© Parlarealmicrofono.it – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Pubblicato in Ultimi aggiornamenti | Contrassegnato , |